Fabrizio Francesco Campus – Commento al Vangelo del giorno – 29 Luglio 2021

82

I personaggi importanti della Parola sono spesso oggetto di fraintendimenti. Penso a San Tommaso, conosciuto come quello senza fede, a Giuda Iscariota, etichettato come l’unico traditore e a Marta e Maria, sorelle di Lazzaro, il quale oggi viene ricordato dalla Chiesa insieme alle due donne.

Solitamente quando si ha a che fare con queste figure e si scava nella ricerca, si scopre molto di più di quello che appare inizialmente. Credo che proprio Marta e Maria siano il perfetto esempio dell’equilibrio che non può mancare nella vita di ciascun cristiano: quello tra l’ascolto e l’azione, tra la teoria e la pratica.

È l’ascolto di ciò che il Signore ha da dirci e il fermarci con Lui durante la nostra giornata che ci dà la forza di essere concreti, ma la nostra fede non può fermarsi all’ascolto perché è la concretezza che ci fa essere credibili. Non dimentichiamoci che Cristo si è fatto Pane e non un libro di teologia. E io quante volte do spazio all’ascolto e alla pratica nella mia quotidianità?

Buona giornata…. E buon ascolto!


AUTORE: Fabrizio Francesco CampusSITO WEB TELEGRAM

Articolo precedentedon Francesco Pedrazzi – Commento al Vangelo del 29 Luglio 2021
Articolo successivop. Giovanni Nicoli – Commento al Vangelo del 29 Luglio 2021