Fabrizio Francesco Campus – Commento al Vangelo del giorno – 28 Marzo 2020 – Gv 7, 40-53

110

«Mai un uomo ha parlato così!»

Chiunque abbia incontrato Gesù può confermare le parole di questa guardia nel Vangelo di oggi. Nessuno ha mai parlato, parla e parlerà come Lui. Gesù ha parole vere, autentiche, di vita eterna. Quando Lo incontri, ti senti accolto da figlio, libero e amato. Comprendi che, da quel momento in poi, nulla sarà più come prima.

E posso testimoniarlo, perché è quanto ho vissuto io. Ma è vero anche che non sempre accogliamo, accolgo ciò che Lui vuole comunicare, nel luogo in cui Lui vuole esprimersi. ‘«Sei forse anche tu della Galilea? Studia, e vedrai che dalla Galilea non sorge profeta!». E ciascuno tornò a casa sua.”. Quante volte riteniamo impossibile che il Signore ci voglia parlare proprio in un determinato contesto?

Ci ribelliamo e torniamo a “casa nostra”, alle nostre faccende, alla nostra quotidianità. E nulla cambia. Cioè accade l’esatto opposto rispetto al primo incontro con Lui. Ma nella nostra vita, il Signore può operare cambiamenti nella misura in cui accettiamo che Egli ci parli dove, come e quando vuole, anche se a noi sembra che quella situazione e quel contesto non abbiano niente a che fare con Lui.

Il Signore apra il nostro cuore, affinché con esso possiamo sempre riconoscere il Suo passaggio e le Sue Parole.


Fonte

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.