Fabrizio Francesco Campus – Commento al Vangelo del giorno – 27 Settembre 2021

69

Vogliamo essere grandi agli occhi di Dio e contemporaneamente a quelli del mondo. Ma così non può funzionare, non possiamo tenere il piede in due staffe perché o si serve Dio o si serve “mammona”.

Cercare e trovare la gloria umana non è difficile: basta occupare un posto di rilievo (anche nella propria parrocchia) e quindi avere su di sé una certa attenzione, anche mediatica; quanto alla gloria di Dio, invece, la questione si complica: c’è da tornare all’essenziale, togliendo dal centro noi stessi per mettere un bambino, quello che abbiamo rinchiuso dentro i nostri ragionamenti, le nostre preoccupazioni, le nostre ambizioni, i nostri pregiudizi.

Ma questo bambino non è solo una raffigurazione: a volte può essere qualcuno da accogliere fisicamente, mostrandogli braccia aperte e non conserte, disposte a un abbraccio non trovato altrove perché si era troppo impegnati a lucidarsi le scarpe.

Buon inizio di settimana!


AUTORE: Fabrizio Francesco CampusSITO WEB TELEGRAM

Articolo precedenteArcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 27 Settembre 2021
Articolo successivodon Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 27 Settembre 2021