Fabrizio Francesco Campus – Commento al Vangelo del giorno – 2 Maggio 2020

50

“Gli rispose Simon Pietro: «Signore, da chi andremo? Tu hai parole di vita eterna e noi abbiamo creduto e conosciuto che tu sei il Santo di Dio».”

Chiunque abbia fatto un’esperienza di fede non può che concordare con le parole di Pietro. La Parola di Gesù a volte è dura perché ti porta a rinunciare a qualcosa, ti mette a nudo relativamente alle tue mancanze, ti indica sentieri non agevoli. Ma, come dice Pietro, il Signore ha parole di vita eterna. Tutti ci siamo resi conto, da quando Lo abbiamo incontrato, che in ciò che Egli dice c’è qualcosa di diverso, qualcosa per ciascuno di noi e che rende la nostra vita viva e degna di essere vissuta.

Niente e nessuno può donarci la vita, per quanto possiamo amare chi abbiamo di fronte o ciò che facciamo. Ed è proprio grazie al Principio della Vita che possiamo amare la nostra vita, con tutte le persone e le cose che ne fanno parte, come meglio non potremmo fare. Il problema è restare quando queste parole non ci coccolano come vorremmo, ma ci correggono, ci interrogano profondamente o ci chiedono di scegliere. Il Signore ci doni la capacità di restare anche quando tutto ci dice che sarebbe meglio andare via.


Fonte

AUTORE: Fabrizio Francesco Campus
FONTE: Sito web
SITO WEB
CANALE YOUTUBE

PAGINA FACEBOOK

TELEGRAM
INSTAGRAM

TWITTER

Articolo precedenteMogli & Mamme per Vocazione – Commento al Vangelo di domenica 3 Maggio 2020 – Per BAMBINI
Articolo successivoCommento al Vangelo del 3 Maggio 2020 – Massimiliano Arena