Fabrizio Francesco Campus – Commento al Vangelo del giorno – 17 Giugno 2021

73

Il Vangelo di oggi è di grande consolazione per ciascuno di noi, perché ci ricorda che Dio ascolta sempre le nostre preghiere, anche quando esse sono fatte di silenzi o di parole semplici. Anzi, sono proprio queste le parole che il Signore predilige. Non è importante cosa o come si chieda, ma ciò che abbiamo nel cuore.

Infatti si possono fare anche le richieste più sante ma se nel cuore hai solo risentimento, sentimenti di rivalsa o di sopraffazione, vittimismo, egocentrismo e tutto ciò che ti possa allontanare da Dio, quella preghiera non è valida. Qualche anno fa una persona mi chiese:”Ma ci sono preghiere particolari per rivolgersi a Gesù?”.

Effettivamente nemmeno io sapevo pregare prima della mia conversione. Poi mi sono scoperto figlio e da lì è iniziato il mio dialogo con il Padre. Quanta fatica si fa ancora, però… E quante parole sprecate a volte… Ma anche crescere nella preghiera, scoprendo la preziosità delle parole, fa parte del nostro cammino di cristiani. Sapete qual è il bello? Che nessuno viene lasciato indietro.

Presentari al Signore così come sei, fosse anche per stare semplicemente davanti a Lui, con la consapevolezza che non è mai tempo perso ma speso per Amore.

Padre Nostro…

Buona giornata!


AUTORE: Fabrizio Francesco CampusSITO WEB TELEGRAM

Articolo precedenteGiovani di Parola – Commento al Vangelo del 17 Giugno 2021
Articolo successivop. Maurizio de Sanctis – Commento al Vangelo del 20 Giugno 2021