Fabrizio Francesco Campus – Commento al Vangelo del giorno – 12 Gennaio 2021

104

Nell’ordinarietà del Vangelo di oggi, c’è un passo che attira immediatamente l’attenzione:”egli infatti insegnava loro come uno che ha autorità, e non come gli scribi”.

Gesù era affascinante nel Suo insegnamento, non perché usasse belle parole ma perché era autentico nel Suo parlare, perché viveva ciò che professava. La prova del nove delle nostre parole sono sempre le nostre azioni.

Ed è qualcosa di più della semplice coerenza, benché essa sia fondamentale. Qualcuno recentemente non l’ha definita come virtù, ma io non sono d’accordo. Detto questo, io come vivo ciò che dico? Ma soprattutto, lo vivo? Sapere chi sia Gesù è troppo poco per dire di essere cristiani. Persino il demonio arriva a dire diverse volte nel Vangelo che Gesù è il Santo di Dio.

Allora capiamo che serve qualcosa in più. Ed è dono da chiedere.


AUTORE: Fabrizio Francesco CampusSITO WEB TELEGRAM

Articolo precedenteCommento al Vangelo di domenica 17 Gennaio 2021 – don Erio Castellucci
Articolo successivoMessaggio di Papa Francesco per la XXIX Giornata Mondiale del Malato – 11 febbraio 2021