Fabrizio Francesco Campus – Commento al Vangelo del giorno – 12 Aprile 2022

52

- Pubblicità -

Fatti per la luce

Fino all’estremità della Terra. Fino alle estreme conseguenze. Fino a me, a te, a tutti, persino a Giuda, per il quale ha intinto quel boccone. No, non era un segnale per smascherarlo davanti ai commensali e metterlo alla gogna – come avremmo fatto oggi -, ma per dire a tutti:”Io amo così”. E il Signore ama davvero così. Dà sempre una nuova possibilità di scegliere, di cambiare rotta, sguardo, cuore. Giuda comprende questo ma non si lascia amare, non coglie e non accoglie la sua occasione, la sua possibilità.

“Ed era notte”. È notte quando non ti riconosci figlio e non vivi da tale. Non sappiamo se Giuda, nell’ultimo secondo della sua vita, si sia pentito del suo tradimento e di quel gesto estremo. Io spero di sì, perché nessuno merita l’inferno, anche quello che tante volte ci si sceglie in questa vita. Siamo tutti figli e per questo siamo tutti fatti per la Luce.

Buona giornata!


AUTORE: Fabrizio Francesco CampusSITO WEB TELEGRAM

Articolo precedentedon Antonio Savone – Commento al Vangelo del 12 Aprile 2022
Articolo successivoGiovani di Parola – Commento al Vangelo del 12 Aprile 2022