Fabrizio Francesco Campus – Commento al Vangelo del giorno – 11 Luglio 2021

40

nviati, affinché la nostra fede coinvolga il mondo e a nostra volta siamo coinvolti dalla storia del mondo; a due a due, perché nessuno si regge da solo e affinché il nostro cristianesimo sia visibile innanzitutto tra di noi; senza ciò che è in eccesso, perché la fede è fatta dell’essenziale, come tutto ciò che conta davvero.

Quanto pesa il nostro bagaglio a volte… E non solo a causa delle cose materiali ma anche – paradossalmente – dell’attaccamento a situazioni o stati d’animo che ci logorano. Don Tonino Bello disse:”Prendete la vita con leggerezza, che leggerezza non è superficialità, ma planare sulle cose dall’alto, non avere macigni sul cuore”.

Credo che questo pensiero si sposi bene con il Vangelo di oggi. Lasciamo andare ciò che appesantisce i nostri passi e affidiamolo a Colui che ci invia e al quale ritorniamo: il Signore Gesù. Non solo ne avremo un guadagno in salute del corpo e dello spirito, ma scopriremo che la nostra vita è capace di una bellezza inimmaginabile.


AUTORE: Fabrizio Francesco CampusSITO WEB TELEGRAM

Articolo precedentedon Domenico Bruno – Commento al Vangelo del 11 Luglio 2021
Articolo successivoArcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 11 Luglio 2021