Fabrizio Francesco Campus – Commento al Vangelo del giorno – 10 Maggio 2020

141

- Pubblicità -

Devo ammettere che quando il Vangelo si ripropone negli stessi passi a distanza di breve tempo, mi trovo un po’ in crisi. Eppure so che ha un’infinità di cose da dirmi… Ma gran parte della fede si gioca sullo sguardo che si ha sulle cose e su Cristo stesso. E l’ampiezza dello sguardo, credo sia direttamente proporzionale all’apertura del cuore. Oggi mi sento di soffermarmi su una frase in particolare, che Gesù pronuncia verso la fine di questo passo: “Se non altro, credetelo per le opere stesse.”.

Guardando alle opere che il Signore ha compiuto e compie, è difficile non esserne attratti. Ma una cosa è esserne attratti, un’altra è rimanere in Lui. Come lo riconosciamo questo? Dalle opere che compiamo a nostra volta, da cosa coltiviamo nel cuore. Ci sono situazioni in cui ciò che coltiviamo nel nostro cuore viene fuori e ci fa accorgere che c’è un po’ di tutto. Sta a noi, allora, scegliere cosa potare e cosa no.

Ci sono cose che, se tagliate, non portano semplicemente a una mancanza ma diventano il principio di una nuova vita, di uno sguardo nuovo, di un cuore più aperto, di un cristianesimo autentico. In Paradiso c’è un posto anche per noi ed è da qui che siamo chiamati a essere pronti per occuparlo e poter così vedere il Volto del Padre nella Sua pienezza.


Fonte

AUTORE: Fabrizio Francesco Campus
FONTE: Sito web
SITO WEB
CANALE YOUTUBE

PAGINA FACEBOOK

TELEGRAM
INSTAGRAM

TWITTER

- Pubblicità -

Articolo precedentePapa Francesco – Regina Coeli del 10 Maggio 2020
Articolo successivoDon Fabrizio Moscato – Commento al Vangelo del 10 Maggio 2020