Fabrizio Francesco Campus – Commento al Vangelo del giorno – 1 Aprile 2020

168

“In quel tempo, Gesù disse a quei Giudei che gli avevano creduto: «Se rimanete nella mia parola, siete davvero miei discepoli; conoscerete la verità e la verità vi farà liberi». Gli risposero: «Noi siamo discendenti di Abramo e non siamo mai stati schiavi di nessuno. Come puoi dire: “Diventerete liberi”?».”

Probabilmente anche noi, come questi Giudei, pensiamo di essere liberi perché, anche se in questo periodo storico non è così, possiamo andare dove vogliamo e fare ciò che più ci piace. Ma la Parola che il Signore ci dona oggi, spinge a chiedersi se sia davvero così. Sono veramente libero? Dovremmo fare sinceramente i conti con questa domanda, perché ne va della nostra vera libertà.

Se guardo alla mia vita, mi rendo conto di come io non sia poi così libero. E faccio esperienza di questo quando mi allontano da Dio, dalla Sua Parola, quando non agisco da figlio. Certo, la libertà non è gratuita come fa intendere il mondo. Costa fatica, rinunce. A volte c’è da tagliare qualcosa, altre da accogliere qualcos’altro. Credo che questa quarantena sia una grande occasione per esprimere la vera libertà. Se ne approfitteremo per allenarci a stare nella Sua Parola, ci renderemo conto che saremo liberi anche se reclusi, perché avremo scelto ciò che rende davvero felici. 


Fonte