don Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 9 Settembre 2021

62

“Come volete che gli uomini facciano a voi, così fate anche voi”

La prospettiva con cui il Signore ci invita a guardare gli altri è chiara. Occorre partire dal modo in cui noi vorremmo che gli altri si comportassero verso di noi. Ecco dunque che ogni volta che nella nostra mente si presenta la logica contraria, siamo già sotto l’azione della tentazione. Il maligno infatti parte dal presupposto che siano sempre gli altri da cui deve partire il buon esempio. Ecco allora che se cadiamo nella logica del tentatore facilmente si insinua nella nostra mente una catena di critiche, di confronti, di invidie, di diffamazioni etc.

in genere l’oggetto del bersaglio sono i superiori della Chiesa, del lavoro, dei gruppi. Sono Coloro che si comincia ad osservare perchè dovrebbero dare il buon esempio per primi. Ma non sono esenti neppure i compagni di banco, coloro con cui condividiamo la stessa responsabilità, gli stessi compiti. Quando ti attendi da loro il buon esempio cadi nella trappola della staticità, quella che non solo impedisce ogni tipo di miglioramento o di conversione, ma addirittura può favorire il degenerare della situazione. Se vuoi che qualcosa cambi, non aspettare gli altri.

In breve

Se cominci a guardare cosa fanno gli altri e ad aspettarti da loro il buon esempio, entri da solo nella trappola della staticità, nemica di ogni possibile conversione e miglioramento.


Di don Vincenzo Marinelli anche i libretti de La Buona Novella per Avvento-Natale, Quaresima e Tempo Pasquale disponibili su: AMAZON | IBS e su https://www.cognitoforms.com/LaBuonaNovella1/libri

TelegramInstagram | Facebook | Youtube

Articolo precedenteArcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 9 Settembre 2021
Articolo successivoDon Antonio Mancuso – Commento al Vangelo del 9 Settembre 2021