don Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 9 Aprile 2022

49

- Pubblicità -

“Gesù doveva morire”

In questi prossimi giorni la liturgia ci porterà a celebrare la passione e morte di Gesù, mentre in parallelo in Europa e in altre parti del mondo si sacrificano sull’altare del potere molte altre vite umane. La morte, ieri come oggi, non è solo un evento naturale che soggiunge al termine della vita umana, molto spesso è decisa da altri uomini che si attribuiscono l’arbitrio di stabilire finanche il giorno e l’ora in cui mettere fine ad una vita.

Per il mondo dunque la morte è un evento che viene provocato, desiderato per altri; è un effetto accettabile e giustificabile per perseguire altri interessi di natura politica, commerciale, territoriale. L’uomo di Dio, invece, non desidera la morte per nessuno, e sa accogliere la propria nel momento in cui sopraggiunge. Non la ricerca come effetto di altri interessi, ma è evento a cui si prepara giorno dopo giorno, perchè segna il momento in cui si troverà a tu per tu con Dio.

Ma la morte di Gesù è stata una morte unica nel genere umano. È stata una morte redentiva. Dal suo stesso sangue Dio ha redento tutti i tuoi peccati, tutti quelli dell’umanità. Onora la morte di Gesù, onora il suo sacrificio d’amore e abbandona il tuo peccato.

In breve

La morte di Gesù è stata l’unica morte che ha redento l’umanità. Onora questa morte. Abbandona il tuo peccato.


Di don Vincenzo Marinelli anche i libretti de La Buona Novella per Avvento-Natale, Quaresima e Tempo Pasquale disponibili su: AMAZON | IBS e su https://www.cognitoforms.com/LaBuonaNovella1/libri

TelegramInstagram | Facebook | Youtube

Articolo precedenteDon Antonio Mancuso – Commento al Vangelo del 9 Aprile 2022
Articolo successivodon Nicola Salsa – Commento al Vangelo del 9 Aprile 2022