don Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 9 Aprile 2021

185

“Quella notte non presero nulla”

Ancora una volta i vangeli parlano dell’episodio della pesca miracolosa, avvenuta per opera di Gesù all’indomani di una notte infruttuosa di pesca. Chissà quali sentimenti avranno attraversato Simon Pietro che, senza aspettarselo, si è trovato a rivivere nuovamente questa esperienza. Anche noi nella vita, anche se le situazioni cambiano continuamente, a volte ci troviamo a vivere le stesse dinamiche interiori. Se ci soffermiamo ad esaminarle, anche se le persone o i luoghi sono diversi, eppure reagiamo allo stesso modo.

Sembra che il passato non ci abbia insegnato nulla e spesso ci troviamo anche a compiere gli stessi errori. Simon Pietro rivive la stessa dinamica che aveva vissuto proprio al suo primo incontro con Gesù, al momento della sua vocazione, come anche rivivrà la possibilità di confermare il suo voler bene a Gesù lo stesso numero di volte per le quali lo ha rinnegato. È questo che il Signore fa con noi, permette che si ripresentino per noi le stesse condizioni del passato per darci la possibilità di manifestare la nostra fede, di dar prova del nostro cambiamento. Tu come reagisci davanti a situazioni simili? Commetti ancora gli stessi errori?

In breve

A volte ci sono dinamiche che si ripresentano continuamente nella vita, finchè non diamo prova di aver imparato la lezione e di essere cambiati.


Di don Vincenzo Marinelli anche i libretti de La Buona Novella per Avvento-Natale, Quaresima e Tempo Pasquale disponibili su: AMAZON | IBS e su https://www.cognitoforms.com/LaBuonaNovella1/libri

TelegramInstagram | Facebook | Youtube

Articolo precedentedon Ivan Licinio – Commento al Vangelo del 9 Aprile 2021
Articolo successivodon Antonio Savone – Commento al Vangelo del 9 Aprile 2021