don Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 8 Settembre 2021

92

“La vergine concepirà e darà alla luce un figlio”

Non si può contemplare il mistero dell’amore di Dio senza volgere lo sguardo anche solo per un attimo a colei che ha detto il suo “si” affinchè il Signore Gesù potesse venire al mondo. Il concepimento della Vergine è stato un evento unico nella storia dell’universo, che tuttavia non può non farci pensare al futuro che si nasconde dietro ogni concepimento. Ogni bambino, prima ancora che venga alla luce, è un dono di Dio all’umanità. Per questo ogni nuova vita deve essere accolta, amata, custodita.

La natività della Vergine Maria è l’emblema che ogni concepimento che Dio permette, non è mai un caso, nè è eccedente rispetto alla totalità. Ogni nuovo nato porta inscritto un ruolo chiave nella storia della salvezza guidata da Dio. Un ruolo che nessun altro uomo può compiere al suo posto. La nostra esistenza ha dunque tanto più senso e tanto più valore nella misura in cui, come Maria, ci rendiamo disponibili a prendere parte, con il nostro si, al progetto di Dio a favore dell’umanità. Tu cerchi di dire ogni giorno il tuo sì a Dio?

In breve

La natività della Vergine Maria è l’emblema del ruolo unico e irripetibile che ogni concepimento può avere nella storia dell’umanità. Per questo ogni nuova vita va accolta, amata e custodita.


Di don Vincenzo Marinelli anche i libretti de La Buona Novella per Avvento-Natale, Quaresima e Tempo Pasquale disponibili su: AMAZON | IBS e su https://www.cognitoforms.com/LaBuonaNovella1/libri

TelegramInstagram | Facebook | Youtube

Articolo precedenteArcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 8 Settembre 2021
Articolo successivoDon Antonio Mancuso – Commento al Vangelo del 8 Settembre 2021