don Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 8 Luglio 2020

193

“I dodici apostoli”

I dodici apostoli sono stati insigniti tutti quanti della stessa missione e dello stesso potere. Tuttavia non erano certo un gruppo omogeneo, tutt’altro. Differenze d’età, di professioni, di ruoli sociali. E poi ancora differenze di temperamenti, di esperienze di vita e di prospettive di sequela. Gesù è stato insieme giorno dopo giorno immerso in questa molteplicità a volte distratta, dura a comprendere, scettica, timorosa, dubbiosa.

Il Vangelo testimonia che vivere tra i dodici non è stato facile, ci sono stati momenti di tensione e a volte di aperta rottura. La ricchezza della diversità di ciascuno ha dovuto misurarsi anche con gli aspetti più umani e con dinamiche meno nobili. Ma non per questo da disprezzare o da nascondere. Anzi, il Vangelo offre un percorso di fede proprio a partire dalle pagine nere della loro vita comune.
A volte sono proprio queste pagine della tua vita con gli altri quelle capaci di risvegliare la tua fede e di unirti maggiormente al Signore.

In breve

Anche le pagine nere della vita insieme agli altri possono essere dense di fede e di occasioni propizie per avvicinarti maggiormente a Dio e amare meglio i fratelli


Di don Vincenzo Marinelli anche il libretto:

La buona novella. Riflessioni per l’Avvento e il Natale disponibile su: AMAZON | IBS

Commento a cura di don Vincenzo Marinelli