don Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 8 Giugno 2020

176

“Beati i puri di cuore”
 
La purezza di cuore oltre ad essere una beatitudine e dunque una condizione di pace e di benessere percepita nell’animo di chi la vive è anche la beatitudine a cui è associata la promessa della visione di Dio. In generale alla purezza si oppone ciò che è impuro, ma rimarrebbe un’indicazione troppo vaga se privata del riferimento a cui questa purezza si riferisce. Trattandosi del cuore si intende allora una purezza che riguarda tutta la persona a cominciare dalle intenzioni, dai pensieri dai quali conseguono le parole, i gesti e gli affetti. Prova a chiederti per ciascuno di questi aspetti se sono puri in te. Hai dei pensieri puri? Hai delle intenzioni pure? Hai degli affetti puri? Sono puri quando essi sono conformi a Dio e alla sua volontà, sono liberi dalla malizia e non sono orientati al male. La purezza è una caratteristica di Dio perchè in Lui non c’è alcun male. E chi ama Dio purifica se stesso perchè Egli è puro. Per questo ai puri di cuore è promessa la visione di Dio, perchè divengono pian piano simili a Lui e i loro occhi piano piano lasciano le tenebre, e cominciano a vedere le cose secondo la luce di Dio.

In breve

La purezza di cuore non solo ti fa sperimentare una condizione di pace e di benessere interiore ma ti porta pian piano a vedere Dio e le situazioni che vivi secondo la sua luce.

Di don Vincenzo Marinelli anche il libretto:

La buona novella. Riflessioni per l’Avvento e il Natale disponibile su: AMAZON | IBS

Commento a cura di don Vincenzo Marinelli