don Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 8 Aprile 2022

56

- Pubblicità -

“Ti lapidiamo per una bestemmia”

I giudei non possono negare le opere buone compiute da Gesù. Allora cercano un’altra via per accusarlo e ucciderlo. Provano pertanto a contestarlo sul piano di quello che ha affermato, dal momento che le sue azioni sono incontestabili. Forse anche tu ti sei trovato tante volte nella stessa situazione di Gesù. Contestato o per le parole usate o per le azioni fatte. Ma probabilmente a chi ti contestava serviva solo una scusa per attaccarti, indipendentemente dal fatto che riguardasse le tue parole o le tue azioni.

Gesù si è difeso, ed è fuggito. Solo davanti a Pilato, quando era arrivata la sua ora, è rimasto inerme e in silenzio, ribattendo in modo secco solo ad alcune accuse. Anche tu cerca sempre di dare ragione delle tue azioni e delle tue parole, ma non lasciarti invece coinvolgere nello scontro verbale. Gesù non esaspera i toni, ma dopo aver detto quanto è opportuno chiarire, si ritira. Quando invece si passa allo scontro verbale, non c’è più possibilità di chiarimento, ma ognuno cerca solo di difendere e ribadire la ragione delle sue posizioni e dei suoi comportamenti. Avevi mai riflettuto su questo modo di fare di Gesù?

In breve

Gesù non giunge allo scontro verbale aperto e tagliente, anche quando è minacciato di morte. Si limita solo a ribadire le ragioni dei suoi comportamenti e si ritira.


Di don Vincenzo Marinelli anche i libretti de La Buona Novella per Avvento-Natale, Quaresima e Tempo Pasquale disponibili su: AMAZON | IBS e su https://www.cognitoforms.com/LaBuonaNovella1/libri

TelegramInstagram | Facebook | Youtube

Articolo precedenteDon Antonio Mancuso – Commento al Vangelo del 8 Aprile 2022
Articolo successivodon Nicola Salsa – Commento al Vangelo del 8 Aprile 2022