don Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 7 Maggio 2022

46

- Pubblicità -

“È lo Spirito che dà la vita, la carne non giova a nulla”

Quante volte ci siamo tuffati a capofitto nei nostri progetti pensando che dalla loro realizzazione ne avremmo tratto un certo benessere o una condizione di felicità. Ma poi o non è andata come speravamo, o li abbiamo distrutti noi stessi, o ci siamo fermati lungo il percorso. Quella motivazione che inizialmente ci aveva spinto o si è persa lungo la strada o si è arenata davanti alle difficoltà.

Quanto nasce dalla carne, dal proprio io non arriva molto lontano o non realizza quanto promette. Invece ciò che nasce dallo Spirito dà vita, rende piena l’esistenza. Nonostante fatiche e sacrifici si riesce ad andare avanti perchè si agisce secondo lo Spirito, ci si sente vivi. Ciò che invece nasce dalla carne cerca di soddisfare le proprie ambizioni o le aspettative degli altri e questo a lungo andare non paga, ma svuota l’anima, lentamente la spegne e la induce a cercare delle compensazioni. Fermati a prendere in esame il fine che hanno i tuoi progetti. Scopri se li stai conducendo sotto la guida dello Spirito o della carne.


Di don Vincenzo Marinelli anche i libretti de La Buona Novella per Avvento-Natale, Quaresima e Tempo Pasquale disponibili su: AMAZON | IBS e su https://www.cognitoforms.com/LaBuonaNovella1/libri

TelegramInstagram | Facebook | Youtube

Articolo precedentep. Giovanni Nicoli – Commento al Vangelo del 7 Maggio 2022
Articolo successivoArcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 7 Maggio 2022