don Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 7 Luglio 2021

68

“Chiamati a sé i suoi dodici discepoli”

Quando Gesù chiamò a sè i dodici non ha scelto persone perfette, risolte e piene di fede. Ha scelto degli uomini ancora in cammino, con una fede immatura, a tratti umana. Persone più volte messe in crisi dal cammino stesso, chiamati a dover scegliere in modo serio, non per circostanza, se continuare o lasciare. Non erano santi, ma lo sono diventati poco a poco.

Rimanendo fedeli a Gesù, alla sua Parola. Hanno dimostrato tante volte di non capire, di non essere pronti, ma questo non è stato mai un impedimento per Gesù nello sceglierli. Anzi, ha cominciato con loro dal punto in cui erano, ha rispettato i loro lenti progressi, senza accelerate, senza farli sentire in colpa. Ha sempre dato loro speranza e fiducia, anche in occasione della loro debolezza. È così che fa sempre Gesù con tutti i suoi discepoli. Non devi essere perfetto per poter seguire Gesù, ma devi continuare a seguirlo anche quando il cammino rivela le tue fragilità.

In breve

Non preoccupare se il cammino con Gesù fa emergere le tue fragilità. Non devi essere già perfetto, devi solo continuare a seguire Gesù nonostante le tue imperfezioni. Abbi fede in lui!!


Di don Vincenzo Marinelli anche i libretti de La Buona Novella per Avvento-Natale, Quaresima e Tempo Pasquale disponibili su: AMAZON | IBS e su https://www.cognitoforms.com/LaBuonaNovella1/libri

TelegramInstagram | Facebook | Youtube

Articolo precedenteDon Antonio Mancuso – Commento al Vangelo del 7 Luglio 2021
Articolo successivoEsegesi e meditazione alle letture di domenica 11 Luglio 2021 – don Jesús GARCÍA Manuel