don Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 7 Luglio 2020

132

“sono pochi gli operai”

Gesù guarda al mondo e agli uomini come ad una messe, al grano ormai maturo e abbondante che aspetta di essere colto. All’abbondanza del grano da cogliere però non corrisponde un numero adeguato di operai. Gesù non si riferisce solo al clero, ai religiosi o a coloro che nella Chiesa rivestono il ruolo dell’autorità. Gli operai sono la Chiesa stessa nella sua totalità. Ciascuno secondo il suo stato di vita non è meno operai degli altri dinanzi all’intera umanità che attende la testimonianza e l’annuncio del messaggio di Gesù.

Tu intorno a te ti sforzi di riconoscere il momento maturo per poter annunciare la Parola di Dio, invitare ad una sequela più ravvicinata, ad un impegno più concreto non solo all’interno della Chiesa, ma anche nel sociale per promuovere il bene, difendere i diritti dei più deboli?
Ti senti operaio di Dio per il suo Regno nel mondo? Como ritieni che gli stai offrendo il tuo contributo?

In breve

Se gli operai hanno sempre un minimo di ore da lavorare e determinate mansioni da svolgere, tu dedichi un tempo sufficiente per il Regno di Dio e la sua causa? In che modo?


Di don Vincenzo Marinelli anche il libretto:

La buona novella. Riflessioni per l’Avvento e il Natale disponibile su: AMAZON | IBS

Commento a cura di don Vincenzo Marinelli