don Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 6 Ottobre 2021

69

“Insegnaci a pregare”

Gesù non ha consegnato ai suoi discepoli una preghiera, una formula da recitare, ma ha insegnato loro a pregare, a mettersi in relazione personalmente con Dio e a dialogare con Lui. Spesso conoscere a memoria le preghiere, distrae non solo dal loro significato, ma dalla preghiera stessa, che è principalmente incontro con Dio.

Prima di pregare occorre raccogliersi e aver presente che ci si sta rivolgendo al Signore e aprirgli il nostro cuore. Altrimenti si fa un esercizio di “lettura”, illudendosi di aver pregato. Non sempre la preghiera può dare consolazione, ma nell’anima si avverte quando si è riusciti ad abbandonare ogni pensiero per fare spazio solo a Dio.

In breve

Per pregare devi solo preparare il tuo cuore e la tua mente ad incontrare il Signore, così come ti libereresti da ogni impegno esteriore e da ogni preoccupazione interiore per accogliere bene una persona a cui tieni molto.


Di don Vincenzo Marinelli anche i libretti de La Buona Novella per Avvento-Natale, Quaresima e Tempo Pasquale disponibili su: AMAZON | IBS e su https://www.cognitoforms.com/LaBuonaNovella1/libri

TelegramInstagram | Facebook | Youtube

Articolo precedenteArcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 6 Ottobre 2021
Articolo successivodon Nicola Salsa – Commento al Vangelo del 6 Ottobre 2021