don Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 6 Luglio 2020

129

“da dodici anni”

Una donna aveva perdite di sangue da dodici anni. Un tempo lungo, soprattutto se si considera la bassa aspettativa di vita di quel tempo. Il Vangelo non permette di sapere se la sua fede sia cominciata a crescere proprio a causa della malattia o se fosse credente già prima di ammalarsi. Ci offre solo una conferma: ha dovuto aspettare dodici anni per essere guarita. In tutto questo tempo ha maturato il desiderio di incontrare Gesù. Giunta finalmente l’occasione ha ricevuto l’ispirazione di toccare almeno un lembo del suo mantello. Chissà quale confusione tra emozioni e pensieri avrà provato in quel momento.

A volte l’intervento che ci aspettiamo da Dio può giungere dopo molto tempo nella nostra vita. Non c’è una motivazione adeguata per tutti: non è giunto ancora il nostro momento? Non siamo ancora pronti? La nostra sofferenza è ancora utile?…Non perdere la speranza nel Signore anche se vedi gli anni trascorrere e le situazioni precipitare verso il peggio. Sappi attendere, riponi nel tuo Signore la certezza che Egli non ti ha dimenticato, e al momento opportuno non tarderà di farti dono di quanto giova al tuo Spirito.

In breve

Rimani saldo nella fede in Gesù. Non lasciarti abbattere dalla durata della malattia, della tua sofferenza o della sua intensità. Il Signore non mancherà di darti a suo tempo quei beni che ti sono necessari.


Di don Vincenzo Marinelli anche il libretto:

La buona novella. Riflessioni per l’Avvento e il Natale disponibile su: AMAZON | IBS

Commento a cura di don Vincenzo Marinelli