don Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 6 Giugno 2020

163

“la folla gettava monete nel tesoro”

Certamente il rumore di quelle monete gettate nel tesoro del tempio non passava inosservato. Il tintinnio doveva essere costante e attirava lo sguardo della gente. Anche Gesù si ferma a guardare, ma il suo pensiero si sofferma sulle motivazioni che spingono la gente a quel gesto. Un vedova attira l’attenzione più degli altri. Il suo rapporto con il denaro non si poteva misurare nella quantità che fu capace di offrire, ma nella misura in cui fu capace di separarsi dai suoi soldi. Una cifra che per lei aveva un valore, con cui poteva realizzare dei progetti, o ancora meno, era necessaria solo per vivere.

La vita a volte ci dà la possibilità di possedere anche di più di quello che serve, ma lascia a noi decidere se possiamo ritenerlo già abbastanza e di conseguenza aiutare gli altri, o utilizzarlo ancora per noi stessi. A volte rinunciare ad un progetto anche a noi caro, desiderato da tempo, e legittimo, anche se comportata sacrificio, tuttavia potrebbe aiutare tanti altri ad avere una vita più dignitosa. Tu come usi il tuo denaro eccedente?

In breve

Nel gestire i soldi che possiedi, dopo aver soddisfatto le tue necessità e aver messo da parte previdentemente qualcosa, non dimenticarti dei poveri e delle necessità degli altri.

Di don Vincenzo Marinelli anche il libretto:

La buona novella. Riflessioni per l’Avvento e il Natale disponibile su: AMAZON | IBS

Commento a cura di don Vincenzo Marinelli