don Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 6 Dicembre 2021

74

“Prendi il tuo lettuccio e torna a casa tua”

La guarigione fisica del paralitico non è che l’effetto del perdono dei peccati che egli ha ricevuto. Tante volte ho visto persone entrare in confessione oppresse dal peso di tanti peccati, a volte mai confessati o non confessati da anni. Oppure desiderose di trovare sollievo alle loro sofferenze familiari o lavorative. È incredibile come nel breve tempo di una confessione una persona possa tutto d’un tratto risollevarsi, la sua anima possa ritrovare la fermezza di abbandonare il peccato, il vigore di tornare ad affrontare quelle situazioni difficili, la speranza di essere migliore.

Cosa potrebbe portare un cambiamento così profondo in un arco di tempo così breve, se non la grazia di Dio? Posso dire di aver assistito a dei veri e propri miracoli che, anche se non hanno nulla di sensazionale all’esterno, agli occhi del mondo, in realtà sono delle azioni prodigiose dello Spirito Santo che rinnovano il mondo intero. A chi si è ben confessato, lo Spirito Santo ridona la capacità di tornare ad essere luce, testimone dell’amore di Dio. È non c’è miracolo più grande che far tornare ad abitare nuovamente nel mondo l’amore di Dio. Da quante difficoltà siamo tentati prima di andare in confessione. E tutto questo perchè il maligno ben conosce quanto diverrebbe molto più debole verso di noi quando siamo in grazia di Dio. Anche tu hai la possibilità di rialzarti e tornare a camminare. Non restare troppo a lungo senza confessione!

In breve

“Alzati e cammina” è la spinta interiore che avvertono tutti coloro che, ben confessati, riscoprono la bellezza di abbandonare il peccato e custodire nel cuore l’amore misericordioso di Dio.


Di don Vincenzo Marinelli anche i libretti de La Buona Novella per Avvento-Natale, Quaresima e Tempo Pasquale disponibili su: AMAZON | IBS e su https://www.cognitoforms.com/LaBuonaNovella1/libri

TelegramInstagram | Facebook | Youtube

Articolo precedenteArcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 6 Dicembre 2021
Articolo successivodon Nicola Salsa – Commento al Vangelo del 6 Dicembre 2021