don Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 5 Luglio 2021

51

“Mia figlia è morta proprio ora”

Alla morte non c’è rimedio, si dice. Eppure questo padre mosso dall’amore per la figlia, va contro ogni ragionevole speranza e si reca da Gesù chiedendogli di farla tornare in vita, nonostante fosse evidentemente morta. A differenza di questo padre, tante volte a noi manca la speranza a tal punto che non osiamo nemmeno provare a cambiare quelle situazioni che potrebbero essere ragionevolmente modificate. Questa assenza di speranza dipende proprio da due elementi essenziali: l’amore e la fede.

Se ami quel cambiamento di te stesso o di quella situazione, allora fai qualsiasi cosa per cominciare a cambiarla. Se credi che quel cambiamento è possibile allora non ti mancherà nemmeno la speranza di poter cominciare a cambiare. Amore e fede. Tutte le volte che con i tuoi ragionamenti giungi alla conclusione che non c’è più nulla da fare, verifica se nel tuo cuore nutri ancora amore e fede. Devi riaccendere queste prima di ricominciare a vedere la possibilità di sperare ancora e cambiare.

In breve

Nessun cambiamento è possibile se nel tuo cuore mancano l’amore e la fede. Se non riaccendi queste, anche la speranza di poter cambiare scomparirà dall’orizzonte dei tuoi pensieri.


Di don Vincenzo Marinelli anche i libretti de La Buona Novella per Avvento-Natale, Quaresima e Tempo Pasquale disponibili su: AMAZON | IBS e su https://www.cognitoforms.com/LaBuonaNovella1/libri

TelegramInstagram | Facebook | Youtube

Articolo precedentedon Nicola Salsa – Commento al Vangelo del 5 Luglio 2021
Articolo successivoDon Antonio Mancuso – Commento al Vangelo del 5 Luglio 2021