don Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 5 Agosto 2020

105

“Non le rivolse neppure una parola”

Una donna chiede a Gesù di scacciare il demonio da sua figlia, ma Gesù tace. Il suo silenzio nonostante le grida della donna è disorientante e lascia perplessi persino i discepoli. Solo in un secondo momento Gesù acconsente alla richiesta della donna, ma non a causa delle sue grida, bensì per la sua fede. La donna crede che Gesù è il Signore non solo per il popolo ebraico, per alcuni eletti, ma per ogni uomo, qualunque sia la sua appartenenza.

La donna aveva quindi fede che il Signore avrebbe potuto esaudirla. A volte noi come figli di Dio non siamo ugualmente fiduciosi verso Dio. Il Suo silenzio più che indurci ad accrescere la nostra fede, ci scoraggia e ci induce ad arrenderci. Non smettere di rivolgere al Signore le tue richieste, anche se devi accompagnarle con gemiti e lacrime. Forse non sarai esaudito come speri, ma per la tua fede Egli non mancherà di intercedere per quella situazione nel modo migliore, dandoti la tua consolazione.

In breve

La tua fede non lascia indifferente il Signore e lo induce ad agire nel modo migliore per la situazione che ti sta a cuore. Anche se non si compirà come tu speri, non ti mancherà la consolazione per sostenerla.


Di don Vincenzo Marinelli anche il libretto:

La buona novella. Riflessioni per l’Avvento e il Natale disponibile su: AMAZON | IBS

Commento a cura di don Vincenzo Marinelli