don Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 4 Settembre 2020

95

“Il vecchio è gradevole!”

Ognuno di noi preferisce seguire le proprie abitudini e le sue convinzioni, non solo i più metodici, ma anche i più creativi o disordinati. È un processo spontaneo perchè in questo modo la mente può eseguire delle funzioni già apprese per le quali non necessita grande concentrazione. Cambiare abitudini o punto di vista è molto faticoso perchè richiede non solo di correggere o eliminare i precedenti, ma di impegnare nuove energie per la mente e il cuore nell’eseguire dei processi diversi, che risultano più impegnativi rispetto ai pregressi, i quali invece risultavano più semplificati.

Per questo in generale tutti quanti preferiamo “il vino vecchio”, a meno che non subentrino nuovi elementi che ci richiedono un cambiamento. La fede è proprio un elemento di cambiamento che richiede continuamente una “conversione”, saper abbandonare il sapore del vino vecchio e passare al vino nuovo. Alcune conversioni sono più radicali, altri raggiungono piccoli risultati solo dopo molti anni. Non stancarti di riprovarci sempre, perchè prima o poi saprai apprezzare il gusto del vino nuovo

In breve

La fede ti sollecita sempre al cambiamento interiore. Lasciati conquistare dai nuovi gusti e dai diversi sapori che la nuova vita in Cristo ti presenta.


Di don Vincenzo Marinelli anche il libretto:

La buona novella. Riflessioni per l’Avvento e il Natale disponibile su: AMAZON | IBS

Commento a cura di don Vincenzo Marinelli