don Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 4 Maggio 2022

50

- Pubblicità -

“che io non perda nulla di quanto il Padre mi ha dato”

Gesù ha a cuore tutto quello che il Padre gli ha affidato e se ne prende cura affinchè non vada perduto.
Anche nella nostra vita Dio mette nelle nostre mani tante persone, tante situazioni, a volte anche difficili e impegnative, tu come ne rispondi? Come te ne prendi cura?

A volte la stanchezza, la delusione, il poco tempo a disposizione, ci inducono a lasciar perdere, a non preoccuparcene, a non considerarlo un nostro problema. Gesù si è impegnato perchè nulla vada perduto. Se c’è un piccolo bene che con il tuo semplice sforzo può restare in vita, alimentalo. Se con la tua disponibilità puoi alleviare e rincuorare una vita o una relazione in crisi, dai il tuo contributo. Non lasciare che si perda.


Di don Vincenzo Marinelli anche i libretti de La Buona Novella per Avvento-Natale, Quaresima e Tempo Pasquale disponibili su: AMAZON | IBS e su https://www.cognitoforms.com/LaBuonaNovella1/libri

TelegramInstagram | Facebook | Youtube

Articolo precedenteDon Antonio Mancuso – Commento al Vangelo del 4 Maggio 2022
Articolo successivola Parola in centoparole – Commento al Vangelo del 4 Maggio 2022