don Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 4 Aprile 2021

176

“Egli doveva risorgere dai morti”

Gesù non è semplicemente tornato in vita dopo la morte in croce. Egli ha reso visibile che c’è un’altra vita, una nuova condizione d’esistenza che apparterrà a tutti gli uomini. È la condizione che appartiene a coloro che passano dalla vita temporale, alla vita eterna. E questa vita è governata da altre leggi, da altre necessità ben diverse da quelle attuali. In essa non c’è malattia, non c’è dolore, non ci sono sofferenze, non c’è bisogno di preoccuparsi di che vestirsi o di che mangiare.

Non c’è terra o proprietà da difendere, da comprare o da vendere. Non c’è la fatica del lavoro. Gesù non ha fatto altro che predicare la logica che governa la vita eterna: l’ha insegnata, l’ha vissuta e dopo la sua morte l’ha mostrata, ha reso evidente che esiste. Per questo il vangelo è così paradossale rispetto alla vita terrena, perchè prepara a vivere una vita ben diversa da quella di ogni giorno. Ed è per questo che invita a non disperarsi nella malattia, a non scoraggiarsi nella sofferenza, a non affannarsi per il possesso dei beni materiali, ma a preoccuparsi di compiere ogni cosa con amore, guardando al bisogno degli altri che ci sono accanto. Credi tu a questa nuova vita? Accogli la sua logica? Ti stai preparando a viverla?

In breve

La Pasqua è l’ultimo insegnamento di Gesù sulla vita eterna. Dopo aver insegnato la logica che la governa, dopo averla praticata, dopo la sua morte ha finalmente dimostrato la sua esistenza. Tu credi nella vita eterna?


Di don Vincenzo Marinelli anche i libretti de La Buona Novella per Avvento-Natale, Quaresima e Tempo Pasquale disponibili su: AMAZON | IBS e su https://www.cognitoforms.com/LaBuonaNovella1/libri

TelegramInstagram | Facebook | Youtube

Articolo precedenteRoberto Cheaib – Cristo risorto non è spettacolare (ed è meglio così!). La risurrezione riguarda la concretezza
Articolo successivoPiotr Zygulski – Commento al Vangelo del 4 Aprile 2021