don Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 31 Marzo 2020

5

“Io non sono di questo mondo”

I giudei non hanno compreso la missione e l’identità di Gesù. In Lui non hanno riconosciuto la sua origine divina. La manifestazione più grande della sua comunione profonda con il Padre sarà offerta in modo completo sulla croce. Tutta la vita si svolge nella contrapposizione esistente tra due mondi: quello terreno e quello celeste, quello materiale e quello spirituale, quello di Gesù e quello dell’uomo.

Sono due mondi in cui è sempre in gioco la scelta tra il mantenersi fedeli al Signore o il rifiutare i suoi insegnamenti, accogliendo le suggestioni del tentatore. Al di fuori di questa polarità, facilmente i criteri di scelta diventano il proprio modo di sentire, la convenienza, l’opportunità, l’interesse. Gesù ha compiuto sempre ciò che era gradito al Padre e per questo che non si è mai sentito solo. Dio non ti lascia mai solo, ma a volte se le tue scelte non appartengono al suo mondo, rischi di sentirti solo, in un mondo abbandonato da Dio, perchè non è il suo.

In breve

Se compi delle scelte lontane da Dio, allora non cerchi il suo mondo. Per questo ti sembra che vivi in un mondo abbandonato da Dio, e che lui non sia con te.

Di don Vincenzo Marinelli anche il libretto:

La buona novella. Riflessioni per l’Avvento e il Natale disponibile su: AMAZON | IBS

Articolo precedentePiotr Zygulski – Commento al Vangelo del 31 Marzo 2020 – Gv 8, 21-30
Articolo successivoDon Antonio Mancuso – Commento al Vangelo del 31 Marzo 2020