don Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 31 Gennaio 2020

322

“Così è il regno di Dio”

Gesù si serve delle dinamiche silenziose ma costanti della natura per descrivere come avviene la crescita del Regno di Dio. Il seme, il germoglio, poi il frutto.. Sapresti rivedere le fasi della crescita del Regno di Dio in te? Certamente il battesimo ti ha introdotto come figlio adottivo nel Regno di Dio mentre, vivendo gli altri sacramenti, ricevi giorno dopo giorno quella grazia, silenziosa ed efficace, che ti consente di partecipare in una misura sempre maggiore al Regno di Dio. Ma ci sono anche quelle fasi legate alle tue opere con quali accresci o impoverisci la tua adesione al Regno di Dio.

Certamente hai cominciato in un momento preciso a vivere la fede in modo più personale e responsabile compiendo delle azioni buone che man mano ti hanno permesso di fare un’esperienza maggiore del Regno di Dio, della sua pace e del suo benessere. Forse non sapresti dire bene quali sono stati i passaggi di questa crescita interiore, ma a poco a poco ne hai visto gli effetti. Non smettere di far crescere il seme del Regno di Dio in te con le tue opere.

In breve

Il Regno di Dio cresce in te silenzioso come un seme e nelle tue opere buone ha il terreno e l’acqua necessari per portare frutti di pace e serenità nel tuo cuore.

Di don Vincenzo Marinelli anche il libretto:

La buona novella. Riflessioni per l’Avvento e il Natale disponibile su: AMAZON | IBS

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO DI OGGI

L’uomo getta il seme e dorme; il seme germoglia e cresce. Come, egli stesso non lo sa.
Dal Vangelo secondo Marco Mc 4, 26-34 In quel tempo, Gesù diceva [alla folla]: «Così è il regno di Dio: come un uomo che getta il seme sul terreno; dorma o vegli, di notte o di giorno, il seme germoglia e cresce. Come, egli stesso non lo sa. Il terreno produce spontaneamente prima lo stelo, poi la spiga, poi il chicco pieno nella spiga; e quando il frutto è maturo, subito egli manda la falce, perché è arrivata la mietitura». Diceva: «A che cosa possiamo paragonare il regno di Dio o con quale parabola possiamo descriverlo? È come un granello di senape che, quando viene seminato sul terreno, è il più piccolo di tutti i semi che sono sul terreno; ma, quando viene seminato, cresce e diventa più grande di tutte le piante dell’orto e fa rami così grandi che gli uccelli del cielo possono fare il nido alla sua ombra». Con molte parabole dello stesso genere annunciava loro la Parola, come potevano intendere. Senza parabole non parlava loro ma, in privato, ai suoi discepoli spiegava ogni cosa. Parola del Signore