don Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 3 Settembre 2021

58

“Il vino nuovo bisogna versarlo in otri nuovi”

L’insegnamento di Gesù ci invita a riflettere sul modo in cui teniamo insieme il nostro passato e il nostro presente. A volte il ricordo delle esperienze passate, gli affetti, i pensieri, può condizionare in modo significativo il nostro presente, le scelte, i nostri comportamenti, fino al punto da rendere quanto siamo chiamati a vivere pesante, stressante, o addirittura un “inferno”.

A volte non è il contesto ad essere avverso a noi, ma il nostro modo di disporci a viverlo. Se il passato condiziona fortemente il tuo presente, allora devi scegliere da che parte stare, e chiedere al Signore che ti aiuti nella lotta per ritrovare il tuo equilibrio interiore. La scelta tra il passato e il presente è essenziale, ma bisogna farla secondo Dio. Gesù ricorda infatti che molti si fermano al “vino vecchio” ritenendolo gradevole solo perchè non hanno ancora gustato il sapore genuino del vino nuovo, avendo forse il palato ancora intriso del sapore del vino vecchio.

In breve

Non sempre è il presente ad essere avverso e difficile da sopportare. A volte è il nostro modo di disporci a viverlo, soprattutto quando siamo ancora influenzati fortemente dal nostro passato.


Di don Vincenzo Marinelli anche i libretti de La Buona Novella per Avvento-Natale, Quaresima e Tempo Pasquale disponibili su: AMAZON | IBS e su https://www.cognitoforms.com/LaBuonaNovella1/libri

TelegramInstagram | Facebook | Youtube

Articolo precedenteArcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 3 Settembre 2021
Articolo successivodon Nicola Salsa – Commento al Vangelo del 3 Settembre 2021