don Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 29 Novembre 2021

187

- Pubblicità -

“Signore, io non sono degno”

La preghiera che il centurione rivolge al Signore è di una dolcezza straordinaria. Non chiede di guarire il suo servo, ma si ferma solamente a presentare la situazione al Signore. E quando il Signore gli manifesta la sua disponibilità a guarirlo, anche allora la sua richiesta non si fa esigente, ma riguardosa. Che bel modo di presentarsi davanti a Dio per manifestare le proprie necessità. A volte la nostra preghiera al Signore si fa esigente, quasi obbligante. Più che ammirare la bontà e la misericordia di Dio, alle volte la sua magnanimità è utilizzata da noi come un pretesa verso di Lui, come un nostro diritto a dover ottenere quanto chiediamo.

Quanto è bella questa richiesta fatta con umiltà, con semplicità e con rispetto. Il centurione sa in che modo rivolgersi a Dio perchè nella sua vita è abituato ad ascoltare le richieste di altri e ad esaudirle attraverso i suoi subalterni. Prima di rivolgerci a Dio, anche noi dovremmo verificare in che modo ascoltiamo le richieste degli altri, e come le esaudiamo. Forse è proprio perchè siamo poco inclini ad ascoltare e ad esaudire, che non sappiamo nemmeno con quali disposizioni interiori rivolgere a Dio le nostre richieste.

In breve

La preghiera umile, semplice e riguardosa verso Dio apre il suo cuore ad esaudirci al di sopra delle nostre aspettative.


Di don Vincenzo Marinelli anche i libretti de La Buona Novella per Avvento-Natale, Quaresima e Tempo Pasquale disponibili su: AMAZON | IBS e su https://www.cognitoforms.com/LaBuonaNovella1/libri

TelegramInstagram | Facebook | Youtube

Articolo precedentedon Nicola Salsa – Commento al Vangelo del 29 Novembre 2021
Articolo successivoDon Antonio Mancuso – Commento al Vangelo del 29 Novembre 2021