don Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 29 Giugno 2020

138

“Ma voi, chi dite che io sia?”
 
Più che una domanda è una porta che si apre sulla propria coscienza della relazione con Gesù. È una domanda che non suona mai scontata, anzi ogni volta che la si riascolta sembra sempre più disarmante. Non puoi fermarti alla risposta che ti sei dato l’ultima volta che l’hai ascoltata, perchè certamente è passato del tempo, hai fatto nuove esperienze, hai affrontato nuove prove. Daresti ancora la stessa risposta? Chi è per te Gesù in questo momento della tua vita? Pietro ha ben risposto, ma la sua relazione con Gesù nel tempo si è trasformata perchè anche la sua fede è cambiata. Ti ricordi da dove hai cominciato la tua relazione con Gesù? Forse è cominciata da bambino, o probabilmente lo hai riscoperto da poco. Dove sei giunto? Da quale cammino sei tornato a Gesù?

Anche se spenderesti le parole più belle che conosci per dire a Gesù chi è per te, ricordati che Pietro dopo aver dimostrato il suo desiderio di non abbandonare mai Gesù, dopo poche ore, nel momento della prova ha smentito clamorosamente quanto aveva dichiarato. Vigila sempre che il tuo amore per Gesù sia ben radicato nel cuore, molto più che nelle tue parole.

In breve

Chi è Gesù per te? Daresti ancora la stessa risposta di quando eri bambino, o quella di alcuni anni fa? Come si è trasformata in questi ultimi anni la relazione con Gesù?


Di don Vincenzo Marinelli anche il libretto:

La buona novella. Riflessioni per l’Avvento e il Natale disponibile su: AMAZON | IBS

Commento a cura di don Vincenzo Marinelli