don Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 28 Novembre 2021

198

- Pubblicità -

“perché abbiate la forza”

L’Avvento non ci introduce solo al Natale e dunque alla nascita di Gesù. Ma ci esorta a guardare al ritorno del Figlio di Dio. Solo se lo sguardo è fissato sulla meta finale si può ricominciare il cammino dell’anno liturgico e rivivere tutti gli eventi della nostra salvezza. Ogni anno liturgico che comincia non è mai una ripetizione cronologica del precedente, ma è un vero e proprio balzo in avanti, un salto di livello che ci avvicina sempre di più all’evento finale della Storia.

E per giungere a questo evento occorre essere ben preparati e forti. Sarà un evento spirituale che richiederà una forza non umana, ma una fortezza dello Spirito. A volte ci illudiamo che sia sufficiente la nostra forza di volontà per raggiungere determinati obiettivi. Ma se ciò può avvenire per alcuni fini umani, non potrà mai bastare per raggiungere un fine spirituale. È necessaria una forza che sia adeguata al fine da raggiungere. E la forza per il nostro spirito viene dalla preghiera.

Pregare fortifica la nostra stessa volontà umana. Perchè fa entrare dentro di noi la grazia di Dio e ci fa agire insieme con Lui. Pregare ci dà la garanzia della salvezza, perchè ci fa lottare con Dio. Ed è Lui il vincitore finale sul mondo, sul peccato, sul male e sulla morte. Dedica del tempo alla preghiera e prega bene. Sarà la tua forza!

In breve

Non c’è debolezza umana che la preghiera non possa fortificare, e non c’è fortezza umana che la preghiera non possa vincere.


Di don Vincenzo Marinelli anche i libretti de La Buona Novella per Avvento-Natale, Quaresima e Tempo Pasquale disponibili su: AMAZON | IBS e su https://www.cognitoforms.com/LaBuonaNovella1/libri

TelegramInstagram | Facebook | Youtube

Articolo precedenteLuis Cruz – Commento al Vangelo del 28 Novembre 2021
Articolo successivoArcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 28 Novembre 2021