don Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 28 Maggio 2022

94

- Pubblicità -

“Sono uscito dal Padre e sono venuto nel mondo”

Gesù ha chiara la sua missione e il senso della sua esistenza terrena: il Padre lo ha generato e Lui è venuto nel mondo per rivelare all’umanità l’amore del Padre e la sua volontà. Terminata la sua missione nel mondo deve ritornare al Padre. 

A volte nella vita ci sono momenti in cui facciamo difficoltà a capire il senso delle cose e soprattutto la direzione verso cui far andare determinate situazioni. Questa difficoltà è causata spesso dai nostri attaccamenti al mondo, a quello che abbiamo realizzato, agli affetti che portiamo. Certamente sentire tutto questo non è sbagliato, perchè è Dio stesso che ci dà la possibilità di realizzarlo.

Ma a volte tutto questo ci fa dimenticare che siamo fatti per Dio e per tornare a Lui. La vita infatti progressivamente ci fa abbandonare tutto, per lasciarci solo quello che rimarrà per sempre al cospetto di Dio. È questo che devi sempre salvaguardare e su cui bisogna centrare lo sguardo quando devi trovare il senso di quello che vivi.


Di don Vincenzo Marinelli anche i libretti de La Buona Novella per Avvento-Natale, Quaresima e Tempo Pasquale disponibili su: AMAZON | IBS e su https://www.cognitoforms.com/LaBuonaNovella1/libri

TelegramInstagram | Facebook | Youtube

Articolo precedenteSr. Palmarita Guida – Commento al Vangelo del 28 Maggio 2022
Articolo successivodon Nicola Salsa – Commento al Vangelo del 28 Maggio 2022