don Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 28 Luglio 2020

100

“La zizzania nel campo”

Gesù desidera che grano e zizzania crescano insieme nello stesso campo e non siano separate. È un’immagine per dire che bene e male non vanno disgiunti. Perchè? Anzitutto perchè solo Dio può conoscere in modo esatto il bene e il male compiuto dagli uomini e a Lui solo spetta il compito di dichiarare quello che è stato un agire virtuoso e quello che, al contrario, è stato malvagio. Inoltre Lui solo ha il potere di separare bene e male nel tempo da Lui prestabilito.

Agli uomini invece è dato il compito di riconoscere ciò che è bene e male e di prenderne le distanze. Crescendo insieme grano e zizzania c’è il rischio che l’una sottragga il terreno all’altro, che ne impedisca la sua crescita e lo faccia morire. Ma a questo rischio il Signore ha già sentenziato che sarà Lui a prevalere e pertanto il bene non soccomberà dinanzi alla forza del male. Il tempo in cui grano e zizzania crescono insieme nel campo rappresenta invece un’opportunità per entrambi. Il grano può produrre ancora più frutto nonostante la zizzania e quest’ultima, fuori di metafora, può convertirsi in grano.

In breve

A volte vorresti separare nettamente tra buoni e cattivi e allontanare quest’ultimi dalla tua vita. Ma devi riconoscere che il tempo è un’opportunità per entrambi, e favorire tu stesso il processo di crescita degli uni o di cambiamento per gli altri.


Di don Vincenzo Marinelli anche il libretto:

La buona novella. Riflessioni per l’Avvento e il Natale disponibile su: AMAZON | IBS

Commento a cura di don Vincenzo Marinelli