don Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 28 Gennaio 2021

45

“Se uno ha orecchi per ascoltare, ascolti!”

Un’ espressione forse un pò scontata, sulla quale tuttavia è bene fermarsi a riflettere. Si potrebbe dire anche che se uno ha piedi per camminare, cammini; o ancora: se uno ha intelligenza per studiare, studi; tempo per potersi dedicare agli altri, lo dedichi; se ha conoscenze, consigli o competenze particolari, le eserciti e non le tenga per sè senza frutto, senza metterle a disposizione per un’utilità più grande.

Sarebbe sufficiente riflettere sulla semplicità di questa affermazione del vangelo per comprendere quanto invece non sia così automatico avere orecchi e ascoltare, avere dei doni e usarli per gli altri. Quando invece questi doni si usano e giungono ad essere fonte del proprio lavoro, in alcune circostanze è doveroso poterli rendere accessibili anche a poche persone, o senza remunerazione, con gratuità. Se invece i tuoi doni non raggiungono alti standard di professionalità, non chiedere a te stesso più di quello che gli altri chiedono a te. A volte è sufficiente essere capaci un pò più degli altri per mettere in azione i propri doni.

In breve

Se hai della competenze, del tempo, delle capacità in più rispetto al contesto o alle persone tra cui ti trovi, mettile in esercizio. Non usarle solo per te stesso, o se vengono remunerate, o se ci sono grandi occasioni.


Di don Vincenzo Marinelli anche i libretti de La Buona Novella per Avvento-Natale, Quaresima e Tempo Pasquale disponibili su: AMAZON | IBS e su https://www.cognitoforms.com/LaBuonaNovella1/libri

TelegramInstagram | Facebook | Youtube