don Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 28 Agosto 2020

94

“presero anche l’olio”

La scelta delle vergini sagge in un primo momento potrebbe sembrare esagerata rispetto al contesto, mentre quella delle vergini stolte appare più consona e adeguata. Se bisogna andare incontro allo sposo non servono ulteriori pesi, o sforzi eccessivi, nè olio ulteriore. Invece l’attesa si rivela più lunga del previsto, cambia il programma che generalmente ci si poteva aspettare, e le vergini che hanno previsto tempi più lunghi, si sono ritrovate all’altezza della situazione. In questo periodo stiamo vivendo ancora la scia di misure precauzionali continuamente variabili che continuano a cambiare e a limitare le nostre consuetudini.

Anche in questo caso, come più in generale per la vita, occorre essere lungimiranti. Il Signore fa conoscere a tutti, al momento opportuno, la situazione, ma non tutti sanno poi responsabilizzarsi a tal punto da essere poi capaci di rispondere a quello che la situazione potrebbe richiedere. A volte ci si accontenta di essere sufficientemente competenti, sorvolando sui dettagli e svincolandosi dalle situazioni più spinose. Le vergini sagge prima ancora di essere un esempio di fede tenace, sono un esempio di responsabilità e maturità umana.

In breve

Non sono le competenze che ti distinguono, ma il tuo modo di essere responsabile a partire dalle competenze e dalle conoscenze che hai.


Di don Vincenzo Marinelli anche il libretto:

La buona novella. Riflessioni per l’Avvento e il Natale disponibile su: AMAZON | IBS

Commento a cura di don Vincenzo Marinelli