don Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 27 Marzo 2020

4

“Non era ancora giunta la sua ora”

Gesù sa bene che è ricercato da Giudei perchè vogliono ucciderlo. Per questo motivo assume una condotta prudente, agendo “quasi di nascosto”. Il pericolo che corre è reale e Gesù lo tiene in seria considerazione. Allo stesso tempo però il timore della morte non lo paralizza, non vive la sua quotidianità angosciato dalla paura. La fede aiuta a superare la paura e l’incertezza umana perchè tiene anche in considerazione che è Dio che ha in mano la misura dei propri giorni, la nostra vita è nelle sue mani.

Questa consapevolezza, tuttavia, non deve indurre ad osare e ad affrontare i pericoli in modo sconsiderato e superficiale. Dunque da un lato occorre adottare ogni precauzione umana, ma senza eccessivo timore per i rischi che si possono correre, dall’altro occorre rimanere vigilanti per non comportarsi in modo sprovveduto. In questo tempo è importante evitare una spasmodica ricerca d’informazione, se è causa di eccessivo turbamento. È utile invece mantenersi in una equilibrata informazione, e associare ad essa un tempo opportuno di preghiera in cui ritrovare la forza e la serenità interiore.

In breve

I tuoi giorni sono nelle mani di Dio. Per cui rimuovi quei timori profondi che ti fanno perdere la serenità e la forza di guardare avanti.

Di don Vincenzo Marinelli anche il libretto:

La buona novella. Riflessioni per l’Avvento e il Natale disponibile su: AMAZON | IBS