don Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 26 Luglio 2021

59

“È il più piccolo di tutti i semi”

Se a tutte le occupazioni e ai progetti della nostra vita dovessimo associare un seme, quale sceglieremmo? Come ad ogni progetto corrisponde lo sviluppo di un determinato futuro, così ad ogni seme è associata la crescita di una determinata pianta e di eventuali frutti o fiori. Forse agire per il Regno di Dio non rientra tra le occupazioni principali della giornata, è la più piccola delle nostre attività, eppure è la più remunerativa. I suoi frutti hanno un valore che giunge direttamente all’eternità.

Per questo dovremmo occuparci molto di più di quello che facciamo quotidianamente in vista del Regno di Dio. Dovremmo curare questo piccolo seme, non trascurarlo, perchè anche se piccolo è il seme che darà il frutto più duraturo. In che modo tu pianti questo seme? Come innaffi il terreno? Come vigili che cresca nell’ambiente giusto, con la temperatura adeguata, senza sbalzi eccessivi di caldo o freddo?

In breve

Far crescere Il Regno di Dio forse è la più piccola delle occupazioni quotidiane, ma è quella che è destinata a donarti la vita eterna.


Di don Vincenzo Marinelli anche i libretti de La Buona Novella per Avvento-Natale, Quaresima e Tempo Pasquale disponibili su: AMAZON | IBS e su https://www.cognitoforms.com/LaBuonaNovella1/libri

TelegramInstagram | Facebook | Youtube

Articolo precedentedon Nicola Salsa – Commento al Vangelo del 26 Luglio 2021
Articolo successivoDon Antonio Mancuso – Commento al Vangelo del 26 Luglio 2021