don Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 25 Luglio 2021

72

“Erano circa cinquemila uomini”

Quando Dio chiede qualcosa all’uomo lo mette sempre davanti a situazioni che hanno sempre un qualcosa di impossibile. Il Signore non vuole spaventare l’uomo, al contrario vuole dimostrargli che con Lui tutto è possibile, anche realizzare progetti che sembrerebbero troppo grandi e irrealizzabili. Invece quando le iniziative o i progetti hanno un’origine umana e non vengono da Dio, in genere hanno finalità megalomani, ostentano grandezza, potenza, ricchezza.

È un modo per imitare l’impossibilità delle imprese di Dio, ma non hanno nulla a che vedere. Inoltre le iniziative umane che non vengono da Dio non hanno ricadute sociali a vantaggio dei più poveri e bisognosi. L’uomo che le avvia non solo le considera possibili e grandiose, ma ha per fine se stesso. Sono opere autoreferenziali. Non temere se i percorsi su cui il Signore ti invia ti sembrano impossibili o di difficile percorrenza, è proprio una dichiarazione di autenticità e di originalità divina del percorso. Se rimani unito a Lui riuscirai a concluderlo in bellezza, ricavandone anche ciò che non avresti mai pensato di ottenere.

In breve

Non lasciarti spaventare dalla difficoltà del percorso. Se è il Signore a chiedertelo, Egli ti sarà a fianco in ogni momento affinchè tu possa conseguirlo al meglio.


Di don Vincenzo Marinelli anche i libretti de La Buona Novella per Avvento-Natale, Quaresima e Tempo Pasquale disponibili su: AMAZON | IBS e su https://www.cognitoforms.com/LaBuonaNovella1/libri

TelegramInstagram | Facebook | Youtube

Articolo precedentedon Nicola Salsa – Commento al Vangelo del 25 Luglio 2021
Articolo successivoDon Antonio Mancuso – Commento al Vangelo del 25 Luglio 2021