don Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 25 Giugno 2020

181

” La sua rovina fu grande”

Quando nella vita ci si accorge di aver fatto scelte sbagliate allora la cosa più naturale è andare con la mente nel proprio passato, alle fondamenta della propria storia e cercare di comprenderne le cause. Si scopre così che certe dinamiche vissute a volte con sofferenza, altre volte con superficialità, sono state la causa dei nostri errori. Certamente il passato non si può cambiare, ma si può scegliere il modo con cui relazionarsi ad esso. Il passato può condizionare, ma non determinare.

Dice cosa ci è successo, ma non chi saremo. Questo dipende da noi. Per questo Gesù nel vangelo parla di una casa mal costruita e devastata, ma presenta anche la possibilità di costruire ancora, però su un fondamento diverso, più solido, sulla Parola di Dio. Se hai sbagliato in passato, non significa che sei un fallimento. Sei uno che ha toccato con mano la conseguenza di certe scelte e che adesso può decidere di agire in maniera diversa, magari considerando in modo più attento e responsabile la Parola di Dio.

In breve

Il passato un pò ti condiziona, ma non può mai determinare chi sarai. Se hai fatto scelte sbagliate puoi di nuovo cominciare a costruire del bene per te e per gli altri. Se hai capito la causa dei tuoi errori, prova a ricominciare in modo diverso, magari partendo da un ascolto più attento e responsabile della Parola di Dio.


Di don Vincenzo Marinelli anche il libretto:

La buona novella. Riflessioni per l’Avvento e il Natale disponibile su: AMAZON | IBS

Commento a cura di don Vincenzo Marinelli