don Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 25 Gennaio 2020

304

“Andate in tutto il mondo”

Gesù comanda agli apostoli di andare in tutto il mondo. Un comando che non precisa bene in quale luogo recarsi, perchè andare “nel mondo” non è solo lo spostarsi geografico, andare nel mondo è anzitutto mettere a confronto la propria fede con chi è diverso per cultura, per mentalità. Nel nostro contesto storico i mezzi di trasporto consentono una facilità di spostamento che rende straordinariamente possibile questo: non solo viaggiare per il mondo, ma anche “al mondo” di giungere accanto a noi.

Ma occorre anche andare in un altro mondo, quello dell’interiorità, molto più vasto di quello geografico. Lì non ci sono contorni fissi, territori già tracciati. È un mondo continuamente in divenire. In questo mondo, come in quello geografico, è importante che giunga il Vangelo. È importante imparare a leggere il cuore dell’uomo alla luce della Parola di Dio. Cosa dice Dio davanti alle tue debolezze, alle tue fragilità? Che Parola ha Dio per te che devi fare scelte importanti, che affronti la sofferenza, che stai perdendo la speranza? Fai entrare il Vangelo anche in questo mondo?

In breve

Non c’è nessuna tra tutte le esperienze di vita possibili all’uomo, che non sia narrata anche nella Scrittura, che non sia inclusa nella relazione tra Dio e l’uomo e per la quale Dio non abbia una Parola che illumini il cammino.

Di don Vincenzo Marinelli anche il libretto:

La buona novella. Riflessioni per l’Avvento e il Natale disponibile su: AMAZON | IBS

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO DI OGGI

Andate in tutto il mondo e proclamate il Vangelo.
Dal Vangelo secondo Marco Mc 16, 15-18 In quel tempo, [Gesù apparve agli Undici] e disse loro: «Andate in tutto il mondo e proclamate il Vangelo a ogni creatura. Chi crederà e sarà battezzato sarà salvato, ma chi non crederà sarà condannato. Questi saranno i segni che accompagneranno quelli che credono: nel mio nome scacceranno demòni, parleranno lingue nuove, prenderanno in mano serpenti e, se berranno qualche veleno, non recherà loro danno; imporranno le mani ai malati e questi guariranno». Parola del Signore