don Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 25 Aprile 2022

68

- Pubblicità -

“Se berranno qualche veleno, non recherà danno”

È tra i segni che accompagnano quelli che credono. Certo il Signore può permettersi di agire sugli effetti fisiologici che può avere il veleno, ma soprattutto può agire nel cuore dell’uomo che ogni giorno attorno a sè assume tante dosi di veleno che può portarlo alla morte.

A volte è il veleno dei cattivi ambienti che si frequentano, che avvelenano la purezza degli affetti del cuore; altre volte è il veleno dei discorsi che avvelenano la mente con pensieri di orgoglio, superbia, invidia, gelosia; altre volte sono le immagini che avvelenano la fantasia; altre volte le amicizie sono velenose…

Sono tanti i veleni che possiamo incontrare, ma il Signore ci assicura che rende il nostro spirito immune da tutto questo se manteniamo salda la nostra fede e la custodiamo con la vigilanza e la prudenza.

In breve

Non meravigliarti del veleno che quotidianamente ingerisci, ma abbi cura di disintossicarti frequentemente con la parola e la grazia di Dio.


Di don Vincenzo Marinelli anche i libretti de La Buona Novella per Avvento-Natale, Quaresima e Tempo Pasquale disponibili su: AMAZON | IBS e su https://www.cognitoforms.com/LaBuonaNovella1/libri

TelegramInstagram | Facebook | Youtube

Articolo precedenteArcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 25 Aprile 2022
Articolo successivodon Alessandro Farano – Commento al Vangelo del 25 Aprile 2022