don Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 25 Agosto 2020

146

“Filtrate il moscerino e ingoiate il cammello!”

Gesù utilizza un’espressione paradossale per stigmatizzare il comportamento ipocrita degli scribi e dei farisei. Essi osservavano in modo superficiale, o trascuravano del tutto, le indicazioni più gravi e onerose della legge, mentre applicavano in modo più scrupoloso solo quelle più semplici. Un atteggiamento umano frequente sul quale poche volte ci si ferma per fare autocritica. Spesso si è molto minuziosi e si esige molto dagli altri negli ambiti in cui personalmente si eccelle e si è molto capaci. Quando invece ci è richiesto qualcosa che è al di fuori delle proprie attitudini o che costa fatica, o non si desidera svolgere, si tende ad essere superficiali e minimalisti. È vero che i grandi risultati si acquisiscono pian piano, facendo poco e bene, ma si cade nell’ipocrisia quando si finisce poi con l’accontentarsi di quel poco fatto, o si vive nella logica del: “purchè si faccia”, “che si renda visibile il tentativo fatto”, senza impegnarsi seriamente per raggiungere obiettivi più ardui e seri.

In breve

È impagabile la soddisfazione di esser giunti a grandi risultati dopo un lungo percorso fatto di impegno costante.
Invece il perfezionismo che esige chi per sè rifiuta impegni gravosi e pesanti carichi di lavoro è vano e dannoso.


Di don Vincenzo Marinelli anche il libretto:

La buona novella. Riflessioni per l’Avvento e il Natale disponibile su: AMAZON | IBS

Commento a cura di don Vincenzo Marinelli