don Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 24 Ottobre 2020

74

“Credete che fossero più peccatori di tutti, per aver subìto tale sorte?”

Alcuni giudei erano stati uccisi da Pilato mentre offrivano dei sacrifici. I giudei credevano che questa sorte gli era accaduta a causa del loro peccato. Ma Gesù dissente da questa interpretazione. Il modo con cui una persona muore non è una punizione per i peccati che ha compiuto. Ci sono sofferenze che colpiscono alcuni e non altri, ma la ragione non può essere ricondotta ai loro peccati. Allo stesso modo coloro che si affidano al Signore non possono pretendere di non essere soggetti a tutti i mali che possono colpire un essere umano. Non è la propria innocenza o il proprio peccato la causa dei mali da cui si viene colpiti.

L’innocenza o il peccato sono dimensioni personali che riguardano anzitutto la propria coscienza e solo in secondo luogo la propria corporeità. Ci sono dei vizi che sono dei peccati veniali contro la propria vita, che possono essere anche causa di malattie e in qualche circostanza possono portare alla morte. Ma in nessun modo Dio punisce con la malattia o con la morte a causa dei peccati personali. Dio è il Dio della vita e tutto ciò che desidera è che il peccatore si converta e viva.

In breve

Le sofferenze non sono il segno di una punizione divina per i peccati personali. Ma se Dio usa misericordia, questa non può essere un deterrente per continuare a vivere nel peccato. Dio è il Dio della vita, e desidera entrambe le cose: che il peccatore si converta e viva.


Di don Vincenzo Marinelli anche il libretto:

La buona novella. Riflessioni per l’Avvento e il Natale disponibile su: AMAZON | IBS

Commento a cura di don Vincenzo Marinelli