don Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 24 Ottobre 2019

534

Sono venuto a portare divisione

La divisione a cui si riferisce Gesù è il frutto della fede. Non sempre possiamo trovare gli altri concordi con la nostra scelta di seguire Gesù e vivere secondo la sua parola. A volte sono i figli a rifiutare la fede trasmessa dai genitori, altre volte, invece, sono proprio i figli a ricevere dai genitori insegnamenti contrari e a confonderli. Anche se c’è un solo credente in un contesto familiare, egli è sempre un segno della vicinanza di Dio a tutta la famiglia, è una fonte per l’annuncio della sua Parola, un testimone per il suo stile di vita.
Proprio in questi contesti più difficili e contrastanti non dimenticare che il Signore è con te, e che devi rafforzarti molto con la preghiera per poter sostenere le sfide e gli attacchi quotidiani. Non cedere nella tua fede e nella tua testimonianza anche se vengono messe in luce e criticate le tue fragilità e i tuoi difetti. La tua perseveranza e la tua carità sono gli strumenti necessari che non devono mai venir meno.

In breve

La testimonianza di Gesù non è semplice soprattutto lì dove la tua fede rischia di isolarti e di farti deridere. Resisti con perseveranza e carità per poter manifestare agli altri quanto sia importante per te credere nel Signore.

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO DI OGGI

Qui puoi continuare a leggere altri commenti al Vangelo del giorno.

Non sono venuto a portare pace sulla terra, ma divisione.

Dal Vangelo secondo Luca
Lc 12, 49-53

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:

«Sono venuto a gettare fuoco sulla terra, e quanto vorrei che fosse già acceso! Ho un battesimo nel quale sarò battezzato, e come sono angosciato finché non sia compiuto!

Pensate che io sia venuto a portare pace sulla terra? No, io vi dico, ma divisione. D’ora innanzi, se in una famiglia vi sono cinque persone, saranno divisi tre contro due e due contro tre; si divideranno padre contro figlio e figlio contro padre, madre contro figlia e figlia contro madre, suocera contro nuora e nuora contro suocera».

Parola del Signore.