don Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 24 Maggio 2022

80

- Pubblicità -

“Riguardo al peccato”

Tra le numerose azioni che lo Spirito Santo esercita sui credenti, Gesù afferma che Egli dimostra la colpa del mondo riguardo al peccato, alla giustizia e al giudizio. L’evangelista Giovanni non parla mai di “peccati” al plurale, ma sempre al singolare, perché la radice di ogni genere di peccati è solo una: la mancanza di fede in Gesù.

Il peccato è (innanzitutto) uno solo: non aver fede. Lo Spirito ha dunque il compito di far verificare nel cuore dei credenti questa realtà. Ogni qual volta la tua fede “perde di quota”, si inaridisce, o assopisce è più facile cadere nei peccati, tornare con più facilità a commettere le proprie mancanze, anche se te ne eri pentito con tutto il cuore. Il vero pilastro che mantiene saldi davanti all’occasione di peccare è la fede.

Non solo è importante avere una fede vigilante e desta, ma anche pregare lo Spirito santo. È Lui che ha il compito di aiutarti a crescere nella fede per vincere con Cristo la lotta al peccato.


Di don Vincenzo Marinelli anche i libretti de La Buona Novella per Avvento-Natale, Quaresima e Tempo Pasquale disponibili su: AMAZON | IBS e su https://www.cognitoforms.com/LaBuonaNovella1/libri

TelegramInstagram | Facebook | Youtube

Articolo precedentedon Nicola Salsa – Commento al Vangelo del 24 Maggio 2022
Articolo successivoDon Antonio Mancuso – Commento al Vangelo del 24 Maggio 2022