don Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 23 Ottobre 2019

213

“Il mio padrone tarda a venire”

Il servo che nota che il padrone tarda a tornare, si abbandona ad atteggiamenti riprovevoli che lo compromettono seriamente. Non solo offende la sua dignità, ma rovina se stesso e perde di vista il bene che era chiamato a realizzare e che gli era stato affidato.

La dinamica del “il padrone non è ancora arrivato”, “c’è ancora un po’ di tempo”, “ho ancora altri 5 min.” è il modo con cui la tentazione bussa soavemente alla porta della tua mente e ottiene il suo spazio, si conquista la sua libertà d’azione senza fatica e con pieni diritti. Proprio quando ti dai la possibilità di indugiare ancora, facilmente cadi nella trappola della perdita di tempo, con tutte le consequenze a cui puoi giungere: peccare, innervosirti, mentire, non fare delle cose di cui avevi la responsabilità e il dovere.

Se ti sembra di avere ancora un po’ di tempo, usalo per fare le cose con calma, per essere più sereno con te stesso e con gli altri e dedica qualche minuto del tempo “in più” per pensare a Dio e ringraziarlo di averti agevolato rispetto a tuoi programmi.

In breve

Se ti sembra di avere 5 minuti in più, non sciuparli invano. Dedicali a ringraziare Dio di averti agevolato nei tuoi programmi e per fare le tue cose con maggiore calma e serenità.

A chiunque fu dato molto, molto sarà chiesto.

Dal Vangelo secondo Luca
Lc 12, 39-48
 
In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Cercate di capire questo: se il padrone di casa sapesse a quale ora viene il ladro, non si lascerebbe scassinare la casa. Anche voi tenetevi pronti perché, nell’ora che non immaginate, viene il Figlio dell’uomo».
 
Allora Pietro disse: «Signore, questa parabola la dici per noi o anche per tutti?».
 
Il Signore rispose: «Chi è dunque l’amministratore fidato e prudente, che il padrone metterà a capo della sua servitù per dare la razione di cibo a tempo debito? Beato quel servo che il padrone, arrivando, troverà ad agire così. Davvero io vi dico che lo metterà a capo di tutti i suoi averi.
 
Ma se quel servo dicesse in cuor suo: “Il mio padrone tarda a venire”, e cominciasse a percuotere i servi e le serve, a mangiare, a bere e a ubriacarsi, il padrone di quel servo arriverà un giorno in cui non se l’aspetta e a un’ora che non sa, lo punirà severamente e gli infliggerà la sorte che meritano gli infedeli.
 
Il servo che, conoscendo la volontà del padrone, non avrà disposto o agito secondo la sua volontà, riceverà molte percosse; quello invece che, non conoscendola, avrà fatto cose meritevoli di percosse, ne riceverà poche.
 
A chiunque fu dato molto, molto sarà chiesto; a chi fu affidato molto, sarà richiesto molto di più».

Parola del Signore

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO DI OGGI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.